Tecnocasa Group News

Gruppo Tecnocasa e UPM: insieme per l’ambiente

Categorie: Info dal Gruppo / Partnership

Partnership vincente all’insegna della responsabilità ambientale

Il Gruppo Tecnocasa, da circa 5 anni, ha superato le 1900 edizioni di riviste di annunci annue, con una tiratura che supera i 120 milioni di copie all’anno. Consapevole del potenziale impatto ambientale, si è fatto carico della propria responsabilità, stringendo una partnership volta alla tutela dell’ambiente con la Cartiera UPM, realtà leader di settore che sposa da anni la filosofia green.

In questi anni UPM ha sviluppato iniziative a lungo termine con l’obiettivo di mitigare il cambiamento climatico grazie a:

  • produzione di energie rinnovabili nelle cartiere
  • approvvigionamento di energie rinnovabili
  • miglioramento dell’efficienza energetica delle cartiere.

Scegliendo UPM come partner per il nostro fabbisogno di carta, anche il Gruppo ha contribuito a supportare questa importante strategia di tutela dell’ambiente.

UPM continua il suo impegno per il futuro, con l’obiettivo di uno sviluppo sostenibile, come promosso dalle Nazioni Unite, e con lo sforzo di ridurre le proprie emissioni di CO2 del 30% nel 2030.

Dal 2020 abbiamo condiviso il progetto relativo alla compensazione di CO2.

Progetti di compensazione: di cosa si tratta?

Green

Tutti i progetti UPM sono certificati dal Gold Standard, a testimonianza della forte credibilità, valenza sociale e trasparenza. Gold Standard è un ente istituito nel 2003 dal WWF e da altre ONG internazionali per garantire che i progetti che riducono le emissioni di carbonio presentassero i più alti livelli di integrità ambientale e contribuissero anche allo sviluppo sostenibile. Tutti i progetti, per ottenere la certificazione, devono quindi rispettare i più severi criteri di qualità.

Il Gruppo Tecnocasa ha scelto di compensare la CO2 prodotta per produrre circa 3000 tonnellate di carta annua acquistata da Tecnomedia con l’acquisto di particolari stufe domestiche per i villaggi rurali del Kenya (stufe Jikokoa), che vengono prodotte localmente e aiutano a ridurre il consumo di combustibile offrendo energia pulita. Perché questa scelta?

  • Il 68% dell’energia domestica del Kenya proviene ancora dalla biomassa legnosa. La legna viene bruciata in falò esterni che producono molto fumo e in stufe estremamente inefficienti, con il conseguente impatto sull’inquinamento atmosferico.
  • L’alta richiesta di legno e carbone da ardere è la principale causa di deforestazione: comporta riduzione della biodiversità, distrugge l’habitat per le specie in via d’estinzione e riduce l’assorbimento di carbonio da parte delle foreste.
  • Le stufe Jikokoa – prodotte dall’azienda Burn – riducono in modo drastico il consumo di combustibile e di conseguenza l’impatto negativo a livello ambientale e sociale.
  • Tali stufe sono classificate al quarto livello (categoria più alta) della scala ISO grazie alla riduzione di particolato, estremamente dannoso per la salute in quanto irritante per gli occhi e causa principale di malattie respiratorie.
  • Attraverso una tecnologia innovativa, le stufe Jikokoa riducono il tempo di cottura fino al 50%, liberando entrate che altrimenti sarebbero state spese per il combustibile.
  • Burn produce tutte le stufe Jikokoa nella sua fabbrica di Nairobi alimentata ad energia solare, che fornisce oltre 100 posti di lavoro qualificati locali, metà dei quali sono occupati da donne.
  • Nel 2015, il design innovativo di Burn è stato riconosciuto a livello internazionale dai rinomati Ashden Awards, aggiudicandosi la categoria “Energia pulita per le donne’’.

Attraverso questo progetto sosteniamo attivamente la prevenzione delle emissioni a livello domestico ed offriamo inoltre importanti vantaggi aggiuntivi per le famiglie e le comunità coinvolte. Abbiamo aderito all’acquisto di 1590 stufe per compensare il volume annuale di CO2 prodotta per realizzare le 3000 tonnellate carta che acquistiamo ogni anno, offrendo i seguenti vantaggi:

stufe domestiche - responsabilità ambientale

Effetti sul clima

Il nostro acquisto evita l’emissione di 2.220 tonnellate di carbonio e fa risparmiare 5.340 tonnellate di combustibile (carbone o legna).

Ulteriori benefici di alto livello per la popolazione locale

Aiuto concreto a 1.590 famiglie rurali e creazione di nuovi posti di lavoro nella produzione di stufe.

In questo modo si può fare la differenza.

 

L’impegno ambientale del nostro Gruppo non si ferma qui: sapevi che il nostro periodico è amico dell’ambiente?